Comune di Sondrio, Piazza Campello, 1 | 23100 Sondrio | P.IVA 00095450144
Telefono 0342-526.111 | Fax 0342-526.333 | PEC:protocollo@cert.comune.sondrio.it
Collegamenti ai contenuti della pagina:
» il contenuto della pagina
» il menu di navigazione
» utility
» Visualizzazione predefinita
» Versione ad alto contrasto
» Versione caratteri ingranditi

 
 


Il contenuto della pagina
- Torna all'inizio della pagina

Museo Valtellinese di storia e arte 

Museo


 MVSA

Istituito nel 1947, il museo di Sondrio deve la sua origine ad un primo nucleo di studiosi che sul finire dell'Ottocento  si dedicarono a raccogliere testimonianze della storia e della cultura locale. Cresciuto a partire dagli anni Sessanta grazie al lavoro del primo conservatore, il Cav.Giovan Battista Gianoli, il Museo è giunto oggi a possedere interessanti collezioni archeologiche, una Pinacoteca con opere dal XII al XIX secolo, una Sezione di arte contemporanea, una gipsoteca, un fondo di grafica. Nel 1961 è stato istituita anche una sezione di arte Sacra del museo Diocesano.
Nel 1994  il museo è stato trasferito  a Palazzo Sassi de Lavizzari, elegante edificio storico,  restaurato per l'occasione, dove sono stati attivati anche un laboratorio di restauro, una sala didattica e una biblioteca specialistica.
             
             
Castello Masegra

Il progetto "Castello Masegra e Palazzi Salis- un circuito culturale dell'area Retica Alpina" promosso dal Comune di Sondrio e dalla Regione Bregaglia ha inteso incentivare le relazioni culturali tra i due territori e far conoscere la storia e il patrimonio artistico della Valtellina e dei Grigioni.
E' nato così un innovativo progetto di studio e promozione dei due territori confluito nel sito internet www.castellomasegra.org, e in diversi allestimenti sia al MVSA che al Castello  incentrati su alcuni temi storici nati nel periodo della dominazione delle Tre Leghe (1512-1797). Ma nuove ricerche e nuovi progetti hanno interessato il Castello in questi ultimi anni che hanno prodotto un percorso di visita con pannelli esplicativi e una agile guida con tutte le conoscenze acquisite finora sul complesso. Il restauro delle parti più significative del castello permette di organizzare eventi in una suggestiva cornice apprezzata dai turisti, ma anche e soprattutto dalla cittadinanza.
 

 


Link