Comune di Sondrio, Piazza Campello, 1 | 23100 Sondrio | P.IVA 00095450144
Telefono 0342-526.111 | Fax 0342-526.333 | PEC:protocollo@cert.comune.sondrio.it
Collegamenti ai contenuti della pagina:
» il contenuto della pagina
» il menu di navigazione
» utility
» Visualizzazione predefinita
» Versione ad alto contrasto
» Versione caratteri ingranditi

 
 
Stai navigando in: Home freccia path La città freccia path Città gemellate


Il contenuto della pagina
- Torna all'inizio della pagina

Città gemellate 

RADOVLJICA

Il 14 maggio 1993 viene sottoscritto, dai due primi cittadini di allora – Flaminio Benetti e Vladimir Cerne -, il patto di amicizia fra Sondrio e la cittadina slovena di Radovljica, ma è da qualche mese che il progetto di gemellaggio prende forma, da quando cioè la Slovenia dichiara la propria indipendenza dalla Jugoslavia. Il contatto viene stabilito grazie al Sindaco di Lubiana – città che come Sondrio appartiene alla Comunità di Lavoro Città delle Alpi – che indica proprio in Radovljica la realtà più indicata per allacciare un rapporto con l’obiettivo di far incontrare persone, unite da interessi comuni, così da favorire la conoscenza reciproca.
Dopo un momento di allentamento questo rapporto, dal 2004, è ripreso con nuovo vigore tanto che il Comune di Sondrio ha di buon grado aderito all’importante progetto culturale promosso dal Comune di Radovljica per i 250 anni dalla nascita di Anton Tomaž Linhart, letterato originario proprio di quella città.


SINDELFINGEN

Il gemellaggio fra Sondrio e la cittadina tedesca di Sindelfingen risale agli inizi degli anni ’60 quando don Alfredo Prioni, missionario fra gli italiani emigrati, favorì l’incontro fra gli allora sindaci Arthur Grüber e Arturo Schena, veri artefici del gemellaggio, che portò, alcuni anni dopo, alla firma dei certificati d’amicizia. Da quel momento, a testimoniare il coinvolgimento delle due cittadinanze in questo rapporto ci sono stati gli innumerevoli scambi avuti non solo a livello di scambi di delegazioni ufficiali – annualmente, almeno una volta -, ma più efficacemente fra sodalizi culturali e sportivi, fra rappresentanze istituzionali e di volontariato, di comitive di cittadini e di giovani interessati ad apprendere le lingue. In questo modo si è rispettato l’impegno sottoscritto a suo tempo dai fondatori, convinti dell’importanza dell’educazione, soprattutto dei giovani, a sentimenti di pace e di comprensione fra i Popoli. Significativo, peraltro, anche il richiamo che nel certificato di amicizia è stato fatto alla volontà comune di contribuire, con ogni mezzo, alla Unità Europea, in un clima di pace e di libertà.