Comune di Sondrio - portale istituzionale

SUAP: sportello unico attività produttive

CHE COS’E’

Il SUAP, acronimo di Sportello Unico Attività Produttive, è disciplinato dall’art. 38 del decreto legge 112/2008 convertito in legge 133/2008 (c.d. manovra finanziaria d’estate) e dal DPR 160/2010.
Trattasi di uno strumento fondamentale per attuare le sempre più richieste e perseguite esigenze di semplificazione, snellimento, trasparenza e partecipazione al procedimento amministrativo in un settore fondamentale quale quello delle attività produttive e in generale delle attività economico/imprenditoriali.

RIFERIMENTI NORMATIVI

Obiettivo conclamato del legislatore nazionale, ma altresì del legislatore comunitario, è la tutela e la piena esplicazione del principio costituzionale (art. 41 Costituzione) del diritto di iniziativa economica privata , contemperando opportunatamente ciò con i canoni di utilità sociale che si traducono nella salvaguardia dei consumatori e degli utenti; in un’epoca in cui si è transitati da uno Stato interventista in economia se non perfino imprenditore a uno Stato regolatore l’ordinato governo dell’economia passa nel perseguimento di obiettivi di efficienza del mercato e di concorrenzialità delle imprese a livello comunitario.

Si comprende che l’alleggerimento degli oneri burocratici riveste un ruolo non trascurabile.

L’ art 2 del DPR 160/10 individua il SUAP quale unico soggetto pubblico di riferimento territoriale per tutti i procedimenti che abbiano ad oggetto l’esercizio di attività produttive e di prestazioni di servizi, e quelli relativi alle azioni di localizzazione, realizzazione o trasferimento, nonché cessazione o riattivazione delle suddette attività.
L’art. 4 del DPR 160/10 prevede che il SUAP assicuri al richiedente una risposta telematica unica e tempestiva in luogo degli altri servizi comunali coinvolti e di tutte le amministrazioni pubbliche comunque interessate al procedimento (a titolo esemplificativo e non esaustivo, Regione, Provincia, Città Metropolitana, Arpa, Vigili del Fuoco, Ats), comprese, vista la rilevanza pubblica degli interessi che tutelano, quelle preposte alla salvaguardia ambientale, paesaggistica, territoriale, sanitaria, del patrimonio storico/artistico e della pubblica incolumità. Le comunicazioni al richiedente sono trasmesse esclusivamente dal SUAP e le pubbliche amministrazioni e gli enti coinvolti nel procedimento amministrativo non possono trasmettere a costui atti autorizzatori, nulla osta, pareri o atti di consenso, anche a contenuto negativo, comunque denominati e sono tenute a trasmettere immediatamente al SUAP tutte le denunce, le domande, gli atti e la documentazione ad esse eventualmente presentati, dandone comunicazione al richiedente.

A COSA SERVE

 Si ribadisce che l’introduzione del SUAP va ricondotta alla necessità di porre rimedio alla complessità della regolamentazione vigente e alla disarticolazione del sistema amministrativo che per l’avvio di un’attività d’impresa o per la realizzazione o modifica di un impianto, richiede diversi titoli abilitativi quali licenze, pareri, nulla osta di competenza di servizi diversi dell’amministrazione comunale di riferimento e spesso di diverse amministrazioni pubbliche. Nel contesto descritto la funzione del SUAP è di ricondurre ad unità questa eccessiva frammentazione di competenze e procedure, in maniera da accelerare e snellire i procedimenti di interesse per le imprese e l’apparato produttivo nazionale in generale.
Sul punto si richiama quanto asserito dalla Corte Costituzionale nella sentenza 376/2002 secondo cui la disciplina del SUAP è fondata sulla concentrazione in una sola struttura della responsabilità dell’unico procedimento attraverso il quale i soggetti interessati possono ottenere l’insieme dei provvedimenti abilitativi necessari per la realizzazione delle attività di impresa, al fine di evitare che la pluralità delle competenze e degli interessi pubblici si traducano per le imprese in tempi troppo lunghi e in difficoltà di rapporti con gli enti.
Secondo la Consulta, quindi, presso il SUAP si genera una sorta di procedimento dei procedimenti ovverossia un unico iter in cui confluiscono e si coordinano gli autonomi atti di competenza di ciascun servizio comunale/ente pubblico per l’adozione del provvedimento unico, che costituisce titolo per la realizzazione dell’intervento richiesto.

QUALI ATTIVITA' SVOLGE

Lo sportello svolge attività di informazioni , coordinamento e rilascio dell’autorizzazione unica per iniziare, modificare, cessare le attività produttive artigianali, industriali, commerciali, agricole, turistiche alberghiere e dei servizi, con esclusione delle procedure edilizie relative ad attività produttiva.

Nello specifico:

  • fornisce informazioni, modulistica e documentazione per la presentazione delle segnalazioni, denunce e richieste
  • pre-istruisce le pratiche e avvia il procedimento
  • trasmette le pratiche agli enti esterni e agli uffici comunali competenti e ne acquisisce pareri, autorizzazioni, concessioni
  • convoca le conferenze dei servizi fra gli enti terzi
  • chiude il procedimento e se il procedimento si chiude positivamente, rilascia l’atto unico finale.

 

COSA NON RIENTRA NEL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL SUAP

Non rientrano nel campo di applicazione del SUAP:

  • gli interventi sugli immobili destinati allo svolgimento di attività di pubblico servizio gestite direttamente da Enti pubblici ovvero di diritto pubblico ovvero dati in concessione da questi
  • gli impianti e le infrastrutture energetiche, le attività connesse all’impiego di sorgenti di radiazioni ionizzanti e di materie radioattive, gli impianti nucleari e di smaltimento di rifiuti radioattivi, le attività di perspezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi, nonché le infrastrutture strategiche e gli insediamenti produttivi (artt. 161 e seg. D.Lgs. n.163/2006)
  • le procedure edilizie relative ad attività produttive.

IL SUAP NELLA PRATICA: IMPRESA IN UN GIORNO

Per dare effettiva attuazione ai dettati normativi inerenti le competenze operative correlate al SUAP, il Comune di Sondrio si avvale del portale telematico e dei relativi servizi messi a disposizione con strumento convenzionale dalla Camera di Commercio di Sondrio.

Le pratiche devono essere inoltrate esclusivamente utilizzando la procedura informatica all’uopo predisposta.

Per la presentazione in modalità telematica è necessario dotarsi di:

  • collegamento internet
  • firma digitale – E’ necessaria per firmare le pratiche da inviare al SUAP con lo stesso valore legale della firma autografa
  • posta elettronica certificata (PEC) – E’ necessaria una casella di posta elettronica certificata per presentare le pratiche, ricevere le comunicazioni ufficiali ed interagire in maniera sicura e rapida con il SUAP

Coloro che non dispongono della strumentazione necessaria per l’invio della documentazione nella modalità telematica, devono necessariamente appoggiarsi ad un intermediario (professionista di fiducia – associazioni di categoria, ecc.), delegandolo mediante firma autografa di una procura.

  La pratica dovrà essere inoltrata al SUAP attraverso il portale Impresa in un Giorno.

Sul portale è possibile consultare anche l’elenco delle pratiche presentate accedendo alla voce “Elenco pratiche”

IDENTIFICATIVO UNIVOCO NAZIONALE

L’identificativo unico nazionale assegnato al SUAP di Sondrio in delega alla CCIAA di Sondrio risulta essere 2538

Ultima modifica: 6 Novembre 2019 alle 12:07
Non hai trovato quel che cerchi? Contattaci
torna all'inizio del contenuto